Nato Tiger 2011

Cosa succede ogni anno in una delle tante basi N.A.T.O. sparse nel mondo? Specialisti che corrono a destra piloti che corrono a destra e a sinistra, si sente parlare lingue diverse, sorrisi e foto, stampa del settore e non, civili che lungo la linea di volo delle basi, che per questa giornata hanno aperto le porte, si soffermano su aeroplani strani, tutti colorati come delle vere e proprie opere d'arte con le ali. Ma cosa accomuna tutti questi aviatori, provenienti da quattro continenti, riuniti sulla base ?

Per capirlo basta dare un'occhiata agli stemmi di Reparto presenti sulle derive dei velivoli e sulle tute dei piloti e degli specialisti, sia pure in forme diverse , elaborate o stilizzate, variopinte o monocromatiche. Si tratta dell'ormai tradizionale "NATO TIGER MEET", l'annuale raduno dei reparti di volo aventi per emblema la tigre. Fra la numerosa e multiforme fauna che caratterizza l'araldica aeronautica, la tigre è infatti uno dei soggetti più diffusi e i molti reparti che l'hanno scelta come simbolo si sentono talmente compenetrati nelle peculiari caratteristiche di agilità, forza, e velocità del grande felino da trovare nel comune emblema una base sufficiente per formare una vera e propria associazione internazionale.

In realtà, le origini e le finalità dei "Tiger Meet" sono molto più operative e meno folcloristiche di quanto potrebbe far supporre, pur se è vero che l'inizio fu spontaneo e basato proprio sulla comunanza dell'emblema. Le origini risalgono al 1960 quando due Reparti di diversa nazionalità, il 79° Tactical Fighter Squadron dell'USAF e il 74° Squadron della RAF, entrambi di stanza in Gran Bretagna, - il primo sulla base aerea di Woodbridge e il secondo su quella di Coltishall - ed aventi entrambi come emblema la tigre, si riunirono a Woodbridge sia per sottolineare la fratellanza derivante dal comune simbolo adottato, sia per scambiarsi informazioni e discutere le rispettive tattiche operative.

La spontanea riunione di Woodbridge venne giudicata un eccellente spunto per l'attuazione di questo programma e così, sotto gli auspici delle autorità della NATO, fu ripetuta l'anno seguente sulla stessa sede con la partecipazione del 1/12 Escadron "Cambresis" dell'Armée de l'Air, dislocato a Cambrai. Con questa riunione, nacque il primo "Tiger Meet" vero e proprio, Da allora furono inviati a partecipare ai raduni annuali dei reparti "Tigre" tutti i gruppi di volo delle aeronautiche militari dell'area occidentale che avevano come simbolo il felino, con l'obiettivo di migliorare la reciproca conoscenza, rinsaldare la mutua amicizia e promuovere scambi di informazioni e di esperienze sui criteri di addestramento e sulle tattiche da combattimento. L'edizione 2011 seppur condizionata dall' attuale conflitto con la Libia verrà ricordata come una delle migliori edizioni: infatti sulla base francese circa 60 aerei ed elicotteri provenienti dall' Austria, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Francia, Italia, Polonia, Portogallo, Turchia, Svizzera e Slovacchia durante i 10 giorni di esercitazione hanno effettuato 600 sortite, attirando numerosi spotter nazionali ed europei. Per quanto riguarda gli ambiti premi quali il Silver Tiger ed il Bronze Tiger sono stati assegnati rispettivamente all' Esquadra 301 della Portuguese Air Force ed al 211th Tactical Squadron della CZAF, all' Aufklarungsgeschwader 51 è stato assegnato il premio come miglior livrea tigrata.

PHOTOGALLERY