28° Gruppo Squadroni Tucano

La storia del 28° Gr Squadroni Tucano inizia il 1 Aprile 1976 sull’aeroporto di Roma Urbe raccogliendo l’eredità del Raggruppamento Aerei Leggeri Granatieri di Sardegna unità notoriamente legata alla città di Roma;

i compiti assegnati all’unità aerea erano:

  • Collegamento
  • Trasporto leggero
  • Osservazione
  • Traino maniche a vento per addestramento unità artiglieria anti aerea

I velivoli assegnati erano l’inossidabile Cessna L-19E Bird dog e il Siai Marchetti Sm1019. In seguito la grande riorganizzazione della specialità il reparto venne trasferito a Viterbo nel settembre 1999 acquisendo lo Squadrone ACTL di Antares (già con aeromobili  ACTL Dornier Do228) e lo Squadrone Aerei del CAE (già con aeromobili  ACTR Piaggio P180) lasciando poi definitivamente il rimpianto gioiellino SM1019 nel 2001; si crea così l’unico reparto ad ala fissa dell’Aves. Gli attuali compiti assegnati ai velivoli del  Reparto operanti  interamente dalla base di Viterbo sono:

  • Trasporto veloce personale VIP
  • Trasporto veloce squadre tattiche
  • Trasporto sanitario
  • Evacuazione sanitaria da Teatro Operativo (missioni Stratevac)
  • Aviolancio personale / materiali
  • Infiltrazioni e esfiltrazioni operatori Forze Speciali
  • Impiego notturno tramite NVG
  • Posto comando aviotrasportato
  • Addestramento e formazione equipaggi ala fissa

Oggi il reparto rappresenta una duttile realtà operativa moderna e veloce impiegabile tatticamente ovunque per le necessità della Forza Armata curando direttamente  l’addestramento equipaggi tramite il proprio Centro Formazione Equipaggi.
 
Gli aeromobili:

In forza della Legge n. 36 del 1° Febbraio 1989 l’Esercito Italiano ha la possibilità di acquisire ed impiegare  fino ad 8 aerei con peso fino a 6700kgs e in base a questa apertura la Forza Armata ha identificato per le proprie esigenze operative tattiche il Do228 e successivamente per esigenze di trasporto personale veloce il P180. Ovviamente si è provveduto inizialmente , non senza difficoltà, a riabilitare i propri piloti (ora è necessario il Brevetto di Pilota Militare) e specialisti creando una mentalità operativa nuova staccata dall’ala rotante.  Si è immediatamente implementato un contratto logistico esternalizzato  “chiavi in mano” (vedi contratto RUAG per Do228) e si è edificata una struttura moderna e capiente presso la base di Viterbo . ACTL – DORNIER DO228 : questo  versatile e  noto velivolo biturbina tedesco con spiccate caratteristiche STOL è l’immagine storica dell’ala fissa nell’Aves essendo entrato in servizio il 6 Febbraio 1992; la particolare rustica architettura del velivolo permette il trasporto di uomini  (anche barellati)  materiali ovunque in completa sicurezza rappresentando realmente il vettore aereo tattico per antonomasia.  Le doti di silenziosità, di autonomia, di carico e di compatibilità NVG lo rendono ancora oggi un formidabile vettore per le Forze Speciali su medie distanze. Il numero di velivoli presenti in linea è di 3 si renderebbe necessario un aggiornamento  avionico nonché un benchè minimo incremento di velivoli assegnati.  ACTR – AEROPIAGGIO P180 : questo velocissimo biturbina di costruzione nazionale è il vettore aereo usato per trasporto veloce di personale ed impiegato per evacuazioni sanitarie anche da Teatro Operativo operando tranquillamente in spazi aerei superiori. Rappresentando un’icona della tecnologia nazionale viene impiegato quotidianamente per esigenze di Forza Armata ed è presente in linea con 3 esemplari.

Articolo di Marco Meschino
Foto di Luciano Zanini

PHOTOGALLERY